Tour Guidato ai Musei Vaticani: Guide Turistiche dei Musei Vaticani

Visita Guidata ai Musei VAticani

Tour Guidato ai Musi Vaticani

Tour Guidato ai Musei Vaticani: Guide Turistiche dei Musei Vaticani

Il Tour guidato ai Musei Vaticani è un tour privato che viene organizzato con una guida turistica abilita. Mediamente ogni guida turistica di Roma possiede anche il tesserino per esercitare la professione presso i Musei Vaticani. Il ché significa che il professionista sia regolarmente registrato presso la segreteria di stato dei Musei Vaticani come guida abilitata alla professione.

La guida ogni anno è tenuta ogni anno a presentare allo stato Vaticano, la documentazione che il soggetto sia in regola con la legge e non abbia carichi pendenti ne con la legge italiana ne con la legge Vaticana. Le guide turistiche abilitate non sono dipendenti dei Musei Vaticani,  sono liberi professionisti che lavorano su richiesta la quale gli può pervenire sia dai Musei Vaticani, sia da agenzie di viaggio che da clienti privati o società che desiderano fare un tour guidato ai musei Vaticani.

Il quale non richiede speciali autorizzazioni visto che la guida turistica è completamente autonoma nella sua professione purché sia abilitata. Tengo a ribadire che l’abilitazione viene conseguita attraverso un concorso di stato, su certificazione dei titoli di studio.

Cosa comprendere la visita ai Musei Vaticani

Il tour guidato ai Musei Vaticani può comprendere moltissime cose visto che i Musei sono lunghi circa sette km e sono tra le collezioni più ricche al mondo. La durata media di un tour è di tre ore solo per visitare le gallerie e sale di passaggio verso la Cappella Sistina. Poi su richiesta si possono visitare altre sale in base alle esigenze del cliente.

Vi è da notare che alcune sale sono state date in affidamento a importanti tour operator internazionali e questo fa si che qualora si volesse fare un tour differente occorre prenotare attraverso dei tour operator. Considerando comunque che il costo è cinque volte di più di un tour normale. Pertanto per una famiglia bisogna considerare vari stipendi…

Rimane il fatto che non per forza occorre visitare il vaticano speciale visto che anche facendo il tour tradizionale si possono visitare molti luoghi aggiungendo solo un paio di ore al tour.

Tour standard dei Musei vaticani

Come abbiamo detto in precedenza il tour standard dei Musei Vaticani ha la durata di circa 3 ore e normalmente in queste 3 ore si consiglia di aggiungere anche la Basilica di San Pietro. In tal modo si riesce a distribuire bene il tempo e il tour non diviene faticoso anche da un punto di vista d’ascolto in particolar modo se si hanno bambini piccoli.

L’esperienza comincia con l’incontrare la vostra guida presso i Musei Vaticani passando per l’entrata principale dove la guida vi porterà subito in una delle terrazze panoramiche per cominciare la sua introduzione facendovi subito un quadro della situazione cronologica e storico artistica  della città del Vaticano.

La guida dopo aver condiviso il programma comincia il tour dei Musei soffermandosi nel grande cortile della Pigna. Dove al centro si può ancora vedere una Pigna di epoca romana che simboleggia la amigdala; la ghiandola che controlla la spiritualità. L’antica scultura bronzea fu trovata presso le terme di Agrippa nella parte posteriore del Pantheon, e solo successivamente fu posta presso il cortile, all’interno di una grande nicchia progettata da Donato Bramante. Importante architetto del rinascimento che ha lavorato a Roma nel Cinquecento. Intorno al cortile sono visibile molti resti di archeologia di varie epoca e al centro troviamo il noto globo di Arnaldo Pomodoro. Interessante scultura bronzea posta al centro del cortile e donato nel 1992 a Giovanni Paolo II da Arnaldo Pomodoro.

Prima di terminare la visita al cortile della Pigna la guida spiegherà ai partecipanti della visita, la Cappella Sistina. Visto che le guide abilitate non possono spiegare all’interno della Cappella Sistina in quanto luogo sacro. E pertanto la spiegazione deve essere fatta per tutti all’esterno in uno dei pannelli messi a disposizione dal Vaticano per le guide.

Percorso breve Musei Vaticani

Avendo solo tre ore a disposizione la guida sceglie di fare il percorso breve dei Musei, salendo attraverso una scala conosciuta come scala Simonetti. Che si trova proprio accanto al cortile della Pigna. Il grande scale di accesso porta a un primo piano di passaggio dove volendo su richiesta si può visitare il Museo Egizio dei Musei Vaticani per ammirare le sculture egizie e le straordinarie sculture ritrovate a Villa Adriana. 

Normalmente non ci si ferma mai al salone egizio, visto che è molto lungo e non si ha abbastanza tempo. Pertanto si prosegue con la spiegazione della Sala a Croce Greca dove si possono ammirare gli straordinari sarcofagi di Elena e Costanza. Di marmo rosso proveniente dalle montagne egiziane Mons Porphyrites sul massiccio roccioso Gebel Dokan all’ovest di Hurgada a cui poi daranno origine al nome del marmo, il porfido Rosso.

Sala dei Candelabri

Lasciando la sala a Croce Greca si arriva alla sala dei Candelabri, do vi sono molti reperti archeologici trovati un po in tutta Italia. Di particolare interessa vi sono sui lati della galleria interessanti candelabri di epoca classica ed adrianea. Sempre nella stessa galleria abbiamo l’importante statua di Venere Efesina copia dell’originale che si trova al Museo Archeologico di Napoli. Ritrovata a Villa Adriana, la scultura divenne parte della Collezione Farnese e fu trasferita assieme ad altre opere a Napoli.

Sempre nella stessa sala vi sono molte altre opere di grande prestigio come ad esempio busti e sarcofagi e statue di grande pregio. Arrivando alla fine della galleria si accede alla galleria degli Arazzi; altra straordinaria galleria dove si possono ammirare due file di arazzi.

La fila di sinistra risale al Cinquecento i quali arazzi furono fatti fare nelle Fiandre sui cartoni di Raffaello. Ed erano utilizzati per essere collocati all’interno della Cappella Sistina; per riscaldarla durante gli incontri dei cardinali o papali. Invece quelli al lato opposto risalgono al Seicento e in un certo modo raccontano la vita di Maffeo Barberini attraverso alcuni eventi storici avvenuti durante il suo pontificato.

Lasciando la Galleria degli arazzi si arriva alla nostra ultima galleria prima di arrivare in Cappella Sistina; la galleria delle mappe Geografiche. La galleria è completamente dipinta e rappresenta la morfologia geologica italiana partendo dall’epoca augustea fino ad arrivare al 1870. Dandoci una chiara visione dell’Italia prima dell’Unificazione. Quanto il Vaticano era anche in totale possesso del Patrimonio di San Pietro; che comprendeva oltre al Lazio, parte della Toscana dell’Umbria e dell’Abruzzo.  Terminata la spiegazione della Galleria degli arazzi; si entra in Cappella Sistina decidendo poi come proseguire il tour dei Musei Vaticani.

About wp_3581807 235 Articles
Roma Guide Turistiche di Roma. Visite guidate a Roma, Visite Guidate a Tivoli, Visite Guidate a Ostia Antica. Tour personalizzati di Roma. Guida turistica abilitata di Roma.