Tivoli in quattro giorni: Come passare le vacanze a Tivoli

subiaco

Come passare le vacanze a Tivoli

Molte persone ci chiedono se vale la pena passare più di qualche giorno a Tivoli. Senza dubbio ne vale la pena visto che Tivoli è una magnifica cittadina medievale che si trova a soli 30 km da Roma e pertanto si può tranquillamente abbinare con Roma e altre attività limitrofe.

Tivoli in quattro giorni: Primo giorno di visita

Come primo giorno di visita vale la pena cominciare sempre con Villa Adriana al mattino e dopo il pranzo visitare Villa d’Este. In tal modo la prima giornata di visita a Tivoli è una giornata orientativa e non ci si deve rimettere in macchina dopo il viaggio del giorno prima. Oltre alle due ville come primo giorno vale la pena fare anche una passeggiata al centro storico di Tivoli e visitare la parte medievale, con l’acropoli della Sibilla.

Il secondo giorno,

in vale la pena cominciare al mattino con Villa Gregoriana e nel pomeriggio approfittare delle terme di Tivoli in particolar modo se visitare la città con bambini, spezzare un po le attività culturale fa sempre bene in tal modo che i bambini non si stanchino e non soffrono troppo il caldo. Tivoli possiede un straordinario complesso termale che nasce negli anni venti ed è ancora ben funzionante con molte piscine e ristorante pertanto ne vale la pena.

Il terzo giorno di tour a Tivoli,

si consiglia al mattino di visitare il tempio di Ercole Vincitore a Tivoli o anche il Tempio di Palestrina; sono entrambi molto belli e molto importanti. Come grandezza chiaramente è di maggiore rilievo quello di Palestrina. Nel pomeriggio dopo la passeggiata a Palestrina o al tempio di Ercole vi è anche Monte Gennaro, una montagna di circa 1000 metri di altezza dove le persone di zona vanno a fare le passeggiate in particolar modo durante il caldo estivo di Agosto. E’ una passeggiata un po differente ma è sempre un modo per variare.

Il quarto e ultimo giorno, 

si consiglia di visitare la Valle dell’Aniene con Subiaco e tutta la vallata nel circondario di Subiaco. Inoltre a Subiaco oltre ad avere l’antico monastero benedettino vi sono nel centro storico anche le antiche cartiere che producono la carta come in antichità.