Quartiere Flaminio: Cosa vedere al quartiere Flaminio

Quartiere Flaminio: Cosa vedere al quartiere Flaminio

Il quartiere Flaminio, possiamo dire che sia il primo quartiere di Roma nel senso che è il quartiere numero I, costruito subito dopo l’Unificazione d’Italia, ufficialmente istituiti nel 1921.

Il quartiere nasce lungo la via Flaminia e confina con il quartiere numero II che è Parioli, con il Q XV Della vittoria che si trova a Nord del quartiere Flaminio, poi con il Q. Pinciano e a sud con il R. Campo Marzio.

Quartiere Flaminio e la sua storia

Il quartiere ufficialmente viene istituito nel 1921, l’anno prima dell’arrivo di Mussolini, e si sviluppa grazie al fatto che la media alta borghesia italiana si deve trasferire a Roma in particolar modo per essere vicina la parlamento e ai ministeri.

Non a caso la costruzione di tutti i ministeri della capitale hanno dato una vera e propria svolta nello sviluppo di determinate zone della città. Proprio perché questa nuova fascia sociale si sviluppa intorno ai ministeri.

Nello sviluppo della città, le imprese di costruzione avevano delle chiare regole di vendita, le quali non potevano vendere un apparentamento se  l’acquirente non lavorasse in una delle Istituzioni della capitale.  La fascia operaia della città fu tutta rilegata nelle zone fuori le mura di Roma che in un certo modo hanno delineato il confine della città.

Dal un punto di vista pratico il quartiere Flaminio, fu uno dei primi quartieri costruiti nella nuova Roma, il quale tende a significare che è stato il primo quartiere di Roma costruito dopo la costruzione dei muraglioni del Tevere.

Fino al 1870 Roma; ebbe sempre tanti problemi con le inondazioni del Tevere, che grazie all’intervento del Canevari che li fece. Roma non ebbe più problemi e si poté sviluppare come le altre città europee.

Il quartiere Flaminio e l’antica Via Lata

Il quartiere Flaminio deve essere visto come un estensione della Via Lata attuale via del Corso, visto che in corrispondenza da Piazza del Popolo il quartiere si trova allineato, e deve essere visto come un quartiere che si sviluppa in varie fasi costruttive. La prima  è  quella del 1911 è dovuta allo sviluppo industriale visto che si trovava fuori le porte di Roma.

Poi vi è la fase tra le due guerre che danno un nuovo aspetto al quartiere. Grazie al  l’arrivo di Mussolini e le nuove Esposizioni  d’arte che si sono sviluppate tra il quartiere Ludovisi-Parioli; anche il Flaminio trovandosi trova i suoi benefici per integrasi con la zona Parioli e Ludovisi. Anche se nel Flaminio vi erano ancora molte fabbriche di armi e metallurgia varia.

La terza fase del Flaminio, corrisponde al periodo diciamo moderno, che parte dal dopo guerra con gli Olimpiadi del Sessanta i quali hanno dato una forte spinta al quartiere modernizzandosi anche grazie a importanti strutture architettoniche costruite da importanti architetti.

Cosa vedere al quartiere Flaminio

Architetture:

  • Ministero della Marina, costruito nel 1928 in stile neo barocco. Progettato dall’architetto Giulio Magni nel 1920 e terminato solo nel 1928. Ai suoi lati possiamo vedere quattro ancore delle corazzate austriache “Tegetthoff e Vibus Unitis”.
  • Case ICP Flaminio, II su Piazza Perin del Vaga, interessante architettura creata a blocchi come case popolari progettati dagli  architetti Tito Bruner, Mario De Renzi, Alessantro Limognelli, e Giuseppe Wittinch.

Chiese ed architetture religiose del Flaminio

Anche qui occorre fare una chiara distinzione tra flamini e Parioli, perché il quartiere Flaminio guardando da piazza del Popolo e proseguendo per Viale Tiziano è il quartiere che si trova sul lato sinistro. Invece quello sul lato destro è già Parioli.  Le chiese che vi sono di maggiore rilievo sono:

  • Basilica di Santa Croce a Via Flaminia, del 1913 su progetto dell’Ing. Aristide Sartori.
  • Chiesa i Sant’Andrea del Vignola, del XVI secolo di Jacopo Barozzi da Vignola
  • Oratorio di Sant’Andrea a Ponte Milvio, del XV secolo attribuita a Francesco da Borgo con accanto il cimitero.

I Ponti del quartiere Flaminio:

Il quartiere Flaminio estendendosi lungo il fiume forze è il quartiere che ha più ponti di collegamento con il quartiere Prati della Vittoria, abbiamo:

  • Ponte Milvio: risalente all’anno 110-109 a.c noto per la battaglia di ponte Milvio tra Costantino e Massenzio.
  • Ponte Duca d’Aosta, risalente agli anni Quaranta e costruito dall’architetto Vincenzo Fasolo lo stesso che architetto che lavorò all’ufficio postale di Via Marmorata.
  • Ponte Risorgimento, del 1911 dell’ing.Ferrero e Porcheddu.
  • Ponte Giacomo Matteotti, del 1929 di Augusto Antonelli
  • Ponte Pietro Nenni, di Luigi Moretti del 1972
  • Ponte della Musica, del 2011 Studio Powell-William Architects

Sport/Arte/Teatri

  • MAXXI- Museo Nazionale dell’arti del XXI secolo,
  • Museo di Hendrik Chirstian Andersen, 
  • Casa Museo di Giacomo Matteotti,
  • Casa Museo del Poeta Valentino Zeichen,
  • Museo dei Bambini,
  • Olimpico
  • Giardini della Filarmonica 

Alberghi nel quartiere Flaminio 

  • Locanda di Piazza del Popolo
  • River Palace
  • The H’All Tailor Suite
  • Hotel Astrid
  • Albergo Etico

Dove magiare al quartiere Flaminio

  • Osteria Flaminio
  • Spazio Tiziano
  • Osteria Mamma Mia
  • Ristorante Apoteca
  • Agro Bistrot
  • Mediterraneo
  • La taverna dei destini incrociati
  • La città del drago
  • Pinturicchio 40
  • Vecchio Tevere
  • Bistrot 64

 

Ambasciate nel quartiere Flaminio

  • Ambasciata della Colombia
  • Ambasciata del Guatemala
  • Consolato Trinidad e Tobago
  • Ambasciata dell’Honduras
  • Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede
  • Ambasciata dell’Arabia Saudita

Mezzi di Trasporto

  • Metro: A, fermata Flaminio
  • Bus/Tram: 201,280,2BUS,446,910,C2

Parcheggi a pagamento

  • Bruni Giuliano Autorimessa
  • Garage Flaminio
  • Roma Service Parking
  • Parcheggio Vignola
  • Parcheggio Rinaldi
  • Garage officina
  • Parcheggio autorimessa

Guide Turistiche Roma

Visite Guidate a Roma

 

 

About wp_3581807 318 Articles
Roma Guide Turistiche di Roma. Visite guidate a Roma, Visite Guidate a Tivoli, Visite Guidate a Ostia Antica. Tour personalizzati di Roma. Guida turistica abilitata di Roma.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*