Piazza di Spagna: Passeggiata a Piazza di Spagna

Roma in un Giorno

 Piazza di Spagna

 

Piazza di Spagna: Passeggiata a Piazza di Spagna

Cominciamo la nostra passeggiata nella meravigliosa Piazza di Spagna; che si trova nel centro di Roma ed è conosciuta come una delle piazze più belle del mondo. La piazza si trova tra Piazza del Popolo ed villa Borghese e Piazza Augusto Imperatore. Piazza di Spagna è inoltre collegata al Tevere grazia l’antica via dei Condotti. Oggi nota strada per lo shopping ma anticamente la strada aveva la funzione di regolatore per l’evacuazione dell’acqua del Tevere. Come sappiamo Roma è stata soggetta alle sue inondazioni fino al 1870. Anno in cui il Canevari costruisce i muraglioni del fiume.

Piazza di Spagna e la sua storia

L’evoluzione della Piazza è dovuta in particolar modo in epoca rinascimentale e barocca, visto che in epoca romana non vi era molto in quella specifica zona eccetto gli Horti delle grandi famiglie Romane. Il nome deriva dall’antica ambasciata Spagnola presso il Vaticano a Roma ed era divisa tra la zona appartenete alla comunità francese e una zona appartenente alla comunità spagnola. Nel 1600 circa a causa di una  delle tante inondazioni del fiume Tevere; accadde che vi furono molti morti. E inoltre una barca dei “barcaroli” romani arrivò fino al centro della piazza. A tale proposito fu chiamato il Bernini padre che si trovava a Roma per costruire una fontana nel centro della piazza a forma di barca che potesse ricordare il grande lutto che aveva colpito Roma. Il Bernini padre accettò l’incarico e di conseguenza il figlio comincio a lavorare con il padre sulla fontana. La fontana oltre a rappresentare una barca un po infossata nel suolo a causa delle problematiche legate a portare l’acqua. Rappresenta anche il Re Sole, di Francesi ecco il perché nella fontana vediamo sempre l’immagine del Sole decorato.

I monumenti nella Piazza

La piazza di Spagna  sin dal Seicento è una nota per essere una piazza molto centrale. Dovuto anche al fatto che la piazza era collegata grazie a Via dei Condotti al Porto di Ripetta. Il quale era l’antico porto per il commerci della città. Oggi purtroppo il Porto di Ripetta non è più visibile perché il Canevari lo ha fatto sotterrare per rifare il lungo Tevere.Sempre durante il Seicento viene edificato il grande Palazzo della Propaganda Fide. Che vede l’intervento di Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini. Il Palazzo è una delle poche opere fatte da entrambi gli artisti. Per il resto si tratta di collaborazioni; visto il loro perenne disaccordo.  Il Palazzo vi è la prestigiosa sede della Propaganda Fide che sarebbe il luogo dove veniva pianificata la propaganda cattolica cristiana in giro per il mondo. Ecco perché molte città nel mondo si chiamano con nome cristiani. Come ad esempio; Santa Monica, San Fransisco ecc.ecc.

Piazza di Spagna nel Settecento

Nel settecento vengono effettuati due interventi molto importanti anche in un certo qual modo abbastanza simile. Che sono il ripristino del porto di Ripetta e la scalinata di Piazza di Spagna, entrambi progettanti con una distanza di circa 25 anni sempre da Alessandro Specchi. Con Alessandro Specchi cominciamo a vedere quasi la fine del barocco romano tradizionale per cominciare a parlare di Barocchetto Romano o tardo barocco. La moda di quel periodo che comincia ad arrivare grazie al Nouvelle Regime fa si che molti pittori e artisti cominciano a visitare Roma e l’Italia. Ma quando si volevano recare presso l’Accademie de France sopra Piazza di Spagna vi erano problemi per la salita visto che non vi erano scale per salire. Allora il Re di Francia finanziò la scalinata dando ai romani la bellissima scalinata di Piazza di Spagna. Che a tutt’oggi è un capolavoro di architettura Romana e collega la piazza con il Pincio e Villa Borghese. Nel settecento con l’arrivo di molti artisti a Roma cominciarono a fiorire molte botteghe, tra cui l’antico Caffè Greco e l’antica sala da Tè. Dove ancora oggi si possono assaporare e degustare le delizie romane.

La Piazza nell’Ottocento ad oggi

La piazza nell’ottocento era ormai una piazza nota, inoltre in questo periodo anche Giuseppe Valadier migliora Piazza del Popolo migliorando l’assetto del tridente Cinquecentesco. Pertanto diventa un luogo interessante sia per vivere che per i negozi e anche per la sua storia. Sempre nell’Ottocento Pio IX erigererà la colonna dell’Immacolata Concezione. Dove ogni anno il papa porta i Fiori il giorno del 8 dicembre. Sempre nella piazza in questo periodo vi sono anche delle residenze importanti di vari artisti. Che oggi sono musei come ad esempio il Museo di Keats-Shelley Memorial House e la casa museo di Giorgio de Chirico. La piazza ai nostri giorni è sempre una gran bella piazza luogo di shopping e di svago dove ogni giorno tutti i turisti che arrivano a Roma non omettono di visitarla.

Cosa vedere a Piazza di Spagna 

  • Fontana della Barcaccia
  • Scalinata di Trinità dei Monti
  • Chiesa di Trinità dei Monti
  • Colonna dell’Immacolata
  • Palazzo Propaganda Fide
  • Casa di Keats-Shelly
  • Museo di Giorgio De Chirico
  • Via Condotti

Come arrivare a Piazza di Spagna 

Se soggiornate al centro è molto semplice basta prendere via del Corso e chiedere di Via dei Condotti e arrivate in 5 minuti. In caso foste in Metro vi è la linea arancione linea A che fa la fermata direttamente a Piazza di Spagna. Nel caso foste in auto vi consiglio di parcheggiare a Piazzale Flaminio o al parcheggio di Villa Borghese o a quello di Via Ludovisi. Entrambi i parcheggi sono ben collegati e in circa 10 minuti siete arrivate. Per i gruppi di turisti lo scarico bus più vicino è a via Ludovisi o a Villa Borghese e con circa 10/15 minuti si arriva. Importante però che il bus abbia il permesso per accedere in città.

Su richiesta di un servizio di guida turistica di Roma  la guida vi può anche incontrarvi allo scarico bus o al punto più vicino del parcheggio.