Visitare Civita di Bagnoregio, la città che muore

civita-di-bagnoregio

Una frazione del comune di Bagnoregio, in provincia di Viterbo, considerata uno dei borghi più belli di tutta Italia e risalente all’epoca degli Etruschi, popolazione che visse nel centro Italia prima dei Romani.
Il nome di città che muore le deriva dalla condizione presente, non certamente felice, di una continua erosione della roccia di tufo sulla quale è stata edificata. Motivo per il quale Civita di Bagnoregio è destinata prima o poi a scomparire e ragione per cui i suoi abitanti hanno deciso, nel corso degli anni, di abbandonarla: ad oggi si contano solo 16 abitanti che vivono qui.
Un destino inevitabile che tuttavia non ha impedito a Civita di Bagnoregio di diventare uno dei borghi più affascinanti di Itali dove ogni anno si recano decine di migliaia di turisti.

Civita di Bagnoregio, paesino di appena 16 abitanti

La frazione di Bagnoregio è arroccata su una collina tufacea in continuo movimento che nel corso degli anni ha causato molteplici frane; ciò non ha impedito a Civita di Bagnoregio di mantenere intatto il proprio fascino ad oggi visibile girando per il suo centro storico e per i vicoli.
Il paese Civita di Bagnoregio è raggiungibile soltanto a piedi e attraversando un ponte panoramico con vista suggestiva. Per accedere al paese si deve passare dalla Porta di Santa Maria; nella piazza principale di Civita di Bagnoregio sono presenti la Chiesa di San Donato, nota per la presenza di un crocifisso in legno del 400; il Palazzo Vescovile, con un mulino del XVI secolo; la casa natale del frate francescano San Bonaventura.

Come arrivare a Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio si trova in provincia di Viterbo vicino Montefiascone. Il paesino è raggiungibile esclusivamente a piedi, tramite un ponte. Per arrivare al centro storico si devono poi percorrere una serie di scalinate dato che il paese è strutturato in salita.
Una volta arrivati nel cuore di Civita di Bagnoregio è possibile perdersi nei suoi vicoli suggestivi e godere di diversi punti panoramici con vista sulla Valle dei Calanchi. Un luogo altamente suggestivo le cui origini si perdono nella storia degli Etruschi e che è consigliabile visitare almeno una volta, se ci si trova in provincia di Viterbo. D’altra parte la città che muore non è destinata a vivere a lungo, motivo per il quale visitarla prima che scompaia è un consiglio da tenere in considerazione.